Adda passà a’ nuttata!

Storie e leggende lombarde legate al fiume Adda. Dai misteri del Castello di Trezzo, alla maledizione della Sibilla, passando per la leggenda del drago del Lago Gerundo.
 
Lettura scenica con accompagnamento musicale di flauto traverso
  un’ora circa.

 

…in tempi remoti,  l’Adda il Brembo e l’Oglio formavano una immensa palude, detta Lago Gerundo; proprio qui, tra nebbiose insidie e acque melmose viveva il terribile e ferocissimo drago del Lago Gerundo…

 

Percorreremo, a suon di musica, alcune storie e leggende lombarde legate al fiume Adda, alla maledizione della Sibilla e ai misteri del Castello di Trezzo.
 
Qui, tra le possenti mura a picco sul fiume, viveva infatti il perfido Barnabò Visconti, le cui gesta sono giunte fino a noi nei racconti dei soprusi e degli inganni che segnarono la sua crudele e sanguinosa vita.
 
Innumerevoli le donne da lui rapite e poi fatte sparire, o suicidatesi per la vergogna degli atti abominevoli cui egli le aveva condotte; incalcolabili i nemici gettati senza pietà nei terribili trabocchetti irti di lame.
 
Nella triste dimora di Barnabò il sangue scorreva copioso, proprio come l’acqua del fiume sottostante…